Cerca

 

Accesso Socio

Rinnova la tua iscrizione, paga la tua quota associativa.

Non sei ancora registrato? Registrati ora

Accesso Ideatore

Carica le tue idee o partecipa alle call ItaliaCamp

Non sei ancora registrato? Registrati ora

23 feb 2020

Italiacamp lancia la partnership con la British Interplanetary Society

Fabrizio Sammarco: “Mars Generation? Insieme alla BIS per educare i giovani alle professioni della Space Economy”/h3>

Roma, 23 febbraio – Italiacamp annuncia la partnership con la BIS, la più antica organizzazione del mondo dedicata allo spazio, il cui scopo è quello di sostenere e promuovere l’astronautica. La collaborazione vedrà le due realtà lavorare insieme su progetti concreti di formazione e sensibilizzazione dedicati ai ragazzi e pensati per promuovere la cultura e le discipline della Space Economy. Un settore che, oltre a essere uno i più promettenti per lo sviluppo dell’economia a livello globale, è anche fondamentale per l’economia italiana, la cui industria aerospaziale è al quarto posto in Europa e al settimo su scala globale. Gli investimenti compiuti in progetti per lo spazio hanno un ritorno economico che va dalle 10 alle 100 volte, ma più spesso hanno impatti infrastrutturali e a largo termine difficili da quantificare, e quasi sempre su scala globale.

I giovani di oggi ancora non hanno cognizione delle professioni con le quali si misureranno fra 10 anni – dice Fabrizio Sammarco amministratore delegato di Italiacamp – ecco perché per noi la partnership con la BIS rappresenta un’alleanza strategica che ci permette di perseguire ancora meglio uno dei nostri principali obiettivi: sviluppare l’educazione alla cultura dell’anticipazione” E prosegue l’amministratore delegato “Con la BIS vogliamo avviare nuovi percorsi di formazione che, sulla scia dell’esperienza maturata anche con gli STEAM Camp, i nostri corsi per ragazzi dedicati alla tecnologia e all’innovazione, approfondiscano i temi relativi allo spazio e all’astronautica, settori che rappresentano un focus fondamentale per le economie del futuro. A pochi giorni dall’arrivo della sonda Perseverance su Marte ecco l’impegno di Italiacamp per formare la nostra Mars Generation”.

La BIS metterà a disposizione di Italiacamp le sue competenze specifiche, materiali e persone capaci di diffondere la cultura del settore spaziale, da sempre maturata all’interno dell’associazione britannica a cui partecipano anche professionisti e ricercatori del settore. Fabrizio Bernardini, che guida BIS-Italia, la sezione italiana della BIS, ha dichiarato: “Ci avviciniamo al 60ale del primo volo umano nello spazio e lo spazio non è più una novità. Quello che invece sembra essere una novità è che si possa lavorare nel settore spaziale con qualsiasi titolo di studio, partecipando sia alla progettazione e gestione dei sistemi spaziali, che al vastissimo mondo delle applicazioni che derivano da questi. Da anni la nostra associazione lavora per un ‘intelligent outreach’ che permetta al pubblico in generale, e agli studenti in particolare, di capire chi e cosa c’è dietro un veicolo spaziale, o una missione, e di apprezzare le specifiche, ma innumerevoli, opportunità di studio e lavoro. È nostra convinzione che questa collaborazione possa contribuire a espandere la cultura astronautica a tutti i livelli della società sia per una più rapida espansione dei suoi benefici, che come motivo ispiratore allo studio delle materie tecnico-scientifiche

Italiacamp è una impact organization che coniuga profit e no profit per promuovere progetti a impatto sociale e sviluppare valutazioni d’impatto con numerosi partner, privati e pubblici. L’organizzazione nasce nel 2010 come associazione di giovani universitari, a cui nel 2012 si affianca Italiacamp srl, società che dal 2018 vede nel proprio capitale sociale Poste Italiane, Ferrovie dello Stato Italiane, Invitalia, Rcs Mediagroup, Unipol Gruppo e, come socio maggioritario, l’Associazione Italiacamp. Nel 2020 si è unita alla compagine sociale anche TIM. Sin dalle origini, Italiacamp ha come obiettivo la generazione di nuovo valore sociale e lo scouting di innovazione per cittadini, territori e comunità, lavorando in partnership con aziende, istituzioni, università e terzo settore.

The British Interplanetary Society è la più antica e attiva associazione di astronautica del mondo. La Società, composta da professionisti e appassionati, è stata tra i fondatori della IAF (International Astronautical Association), ha istituito sia la prima rivista accademica di astronautica che una a larga diffusione sui voli spaziali (entrambe ancora in corso di pubblicazione), e ha sempre mantenuto un ruolo visionario nell’ingegneria astronautica e nelle scienze spaziali.

La Sezione Italiana, nota come BIS-Italia, comprende i soci italiani della BIS e collabora con varie istituzioni del settore con le sue attività e i suoi progetti mediante una divulgazione di alto livello dell’astronautica fatta sia verso l’esterno (partecipando ad eventi pubblici, anche di grande portata) sia verso l’interno, riservata ai soci, per instradarli verso carriere nel mondo spaziale offrendo loro opportunità di approfondire aspetti tecnico-scientifici relativi alle professionalità richieste.

 

***

Elena Giacchino | Media Relations & Communications Senior Advisor

e.giacchino@italiacamp.com – 3402682776

Florentina Ricciarelli | Media Relations Advisor

florentina.ricciarelli@gmail.com – 3292348154

ufficiostampa@italiacamp.com

16 feb 2021

Italiacamp a My Camp. Le discipline STEAM arrivano agli educational camp di Carlton Myers

Fabrizio Sammarco: “Al fianco di Mkers per sperimentare le nuove frontiere della formazione”

Roma, 16 febbraio – Italiacamp porta a My Camp gli STEAM Bug, i mini percorsi esperienziali dedicati a ragazze e ragazzi appassionati di innovazione e volti all’insegnamento dei concetti e dei linguaggi dei mestieri del futuro. Saranno tre i moduli di apprendimento e gioco interdisciplinari della durata di 90 minuti che si terranno durante My Camp, l’innovativo progetto di Beside Events, la società fondata da Carlton Myers. Il campo destinato a bambini fra gli 8 e i 14 anni è ideato con l’ambizioso obiettivo di appassionare i giovani allo sport e all’innovazione attraverso attività multidisciplinari costruite su misura. My Camp prenderà il via il 13 giugno a Pescasseroli. Cinque le discipline sportive – basket, tennis, pallavolo, calcio e nuoto – che animeranno la settimana di educazione e intrattenimento aquilana.

Al centro di ciascuno dei percorsi proposti da Italiacamp le discipline fondanti di quella che oggi viene definita la “manifattura digitale”: robotica e coding per apprendere le basi della programmazione; tecnologia da sperimentare attraverso la guida di droni; fisica e ingegneria per confrontarsi con i principi di equilibrio, tensione e distribuzione del peso. I corsi di Italiacamp saranno basati sul modello del Lifelong Kindergarten del MIT e i partecipanti lavoreranno in gruppo per sviluppare progetti basati su bisogni reali attraverso un processo circolare che si sviluppa in cinque fasi: immagina, crea, gioca, condividi e rifletti.

My Camp rappresenta una realtà all’avanguardia nel campo della formazione – commenta Fabrizio Sammarco, Amministratore Delegato di Italiacamp – siamo felici di condividere in un ambiente così dinamico e stimolante il nostro know how e soprattutto siamo convinti che questa nuova collaborazione, che ci vede anche a fianco di Mkers, si inserisca perfettamente nel solco delle attività che abbiamo in campo per connettere education, sport e tecnologia”.

Italiacamp, infatti, nel corso di questa nuova edizione di My Camp sarà al fianco di Mkers, la prima azienda di eSport gaming italiana, in una alleanza strategica che mette al centro ancora una volta l’innovazione. “Il nostro obiettivo – commenta Carlton Myers – è da sempre quello di fare sistema con le realtà migliori per offrire ai nostri ragazzi un percorso unico di formazione dove lo sport incontra la tecnologia e l’innovazione digitale per un’esperienza di alto profilo all’insegna dell’integrazione e del divertimento.
Questo format – continua Carlton Myers- è nato da un articolo che avevo letto due anni fa, riferito a un giovane campione di e-sport, Massimiliano Sechi, la cui testimonianza mi aveva talmente colpito ed emozionato da volerlo conoscere. Per quanto fossi scettico riguardo il mondo dei videogiochi – nonostante io stesso da giovane sia stato un assiduo frequentatore della sala giochi di mio zio – ho dovuto riconoscere l’impatto positivo che tale realtà ha avuto su Massimiliano. Penso che ogni tipo di attività fisica e mentale, se portata all’eccesso può essere dannosa, tuttavia con il giusto equilibrio e le corrette indicazioni, non può che produrre risultati e motivazioni positive”.

26 gen 2020

Italiacamp e Omicron Consulting: al via partnership su intelligenza artificiale e formazione

Sviluppo di strumenti AI per lo scouting di innovazione e una academy formativa al centro della collaborazione tra le due società

26 gennaio 2021 – Italiacamp, organizzazione che promuove progetti per l’innovazione e l’impatto sociale, e Omicron Consulting, azienda italiana leader nella consulenza digitale e nella fornitura di servizi di information technology, danno il via a una partnership che vede al centro lo sviluppo di un motore di ricerca machine learning e di un web crawler basati sull’intelligenza artificiale per lo scouting di innovazione e una academy formativa su competenze digitali e realtà virtuale e aumentata.

La partnership nasce da una collaborazione avviata già nel 2020 per lo sviluppo del Portale delle idee, la piattaforma tecnologica proprietaria di Italiacamp attiva dal 2015 che, grazie a un search engine e allo strumento web crawler, potrà avvalersi di un sistema basato sull’intelligenza artificiale di ricerca automatizzata online di progetti e professionisti dell’innovazione, a supporto dei servizi di innovation brokerage offerti da Italiacamp.

Una collaborazione che si fonda anche su una comune visione su come agire per l’innovazione: un’innovazione responsabile, orientata a determinare impatto sociale positivo. È per questo che la collaborazione abbraccia anche la progettazione di una academy formativa su competenze digitali e realtà aumentata e virtuale, e l’avvio di un progetto di ricerca congiunto sul rapporto tra etica e intelligenza artificiale.

Progetti di innovazione e formazione al servizio dell’impatto sociale sono il cuore delle attività di Italiacamp, e in Omicron abbiamo trovato il giusto partner tecnologico per svilupparli ancora di più, con una formula, quella della partnership, in cui crediamo particolarmente. Così si può lavorare davvero insieme, per progetti di valore per il Paese” commenta Fabrizio Sammarco, fondatore e AD di Italiacamp.

Il nostro futuro passa attraverso digitalizzazione e crescita supportata dalla formazione, linee guida da incastonare come gemme in un quadro di sostenibilità sociale e attenzione alla persona. La nostra famiglia è sempre affamata di collaborazioni basate su questi principi. In Italiacamp abbiamo trovato il perfetto partner per crescere sulla base di essi” afferma Diego Piras, AD di Omicron Consulting.

28 set 2020

Italiacamp: con TIM rafforza la compagine societaria

28 settembre 2020, Roma — Grazie alla sottoscrizione di un aumento di capitale riservato, TIM diventa socio al 3% di Italiacamp srl. Lo ha annunciato l’amministratore delegato Fabrizio Sammarco in occasione dell’assemblea dell’Associazione Italiacamp, che della srl è socio maggioritario.

Con l’ingresso di TIM, le quote sociali sono oggi così ripartite: Associazione Italiacamp ETS 49,47%, Poste Italiane 19,40%, Ferrovie dello Stato Italiane 19,40%, Invitalia 4,85%, TIM 3,00%, Rcs MediaGroup 2,91%, Unipol Gruppo 0,97%. I Soci hanno recentemente confermato nel consiglio d’amministrazione il presidente Luigi Mastrobuono, il vice presidente Guglielmo Casciaro, i consiglieri Cristina Calabrese, Guido Fienga, Gianni Letta e Michele Scarpelli, e l’AD Fabrizio Sammarco.

L’ingresso di TIM nella compagine societaria è il risultato di una collaborazione su progetti di impatto sociale nata nel 2015 nell’ambito di TIM WCAP, il programma di Open Innovation che supporta la nascita e lo sviluppo delle startup più promettenti e delle realtà imprenditoriali innovative. La partnership si è ulteriormente rafforzata nell’ultimo anno grazie al progetto Operazione Risorgimento Digitale, la grande scuola gratuita di internet realizzata da TIM per la diffusione delle competenze digitali tra cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione. In particolare Italiacamp ha affiancato le attività dei formatori TIM con quelle dei propri digitalist. In questo modo sono state raggiunte anche le comunità dei migranti, grazie all’app Mygrants nata nel 2017 e che oggi aggrega una community di circa 90.000 utenti.

“L’ingresso di TIM è per noi un segnale importante. Dieci anni fa abbiamo scommesso sull’impatto sociale delle attività economiche, consapevoli che sarebbe diventato un sentire comune guardare alla sostenibilità e al valore sociale delle organizzazioni e delle imprese. Abbiamo deciso di farlo insieme a tanti partner, senza identificarci in una precisa categoria, ma anzi coniugando anime diverse, perché questa cultura si diffondesse e fosse un cammino comune” afferma Fabrizio Sammarco, fondatore e Amministratore Delegato di Italiacamp.

26 set 2020

Associazione Italiacamp: Serena Scarpello eletta presidente

Il nuovo consiglio direttivo: dieci professionisti under40 e una qualificata rappresentanza femminile

L’Associazione Italiacamp diventa ente del terzo settore

26 settembre 2020, Roma — Si è tenuta oggi presso il Borgo di Tragliata l’assemblea dei soci dell’associazione Italiacamp, durante la quale è stata eletta presidente per il biennio 2020-2022 Serena Scarpello, che subentra al presidente uscente Leo Cisotta. L’associazione Italiacamp è l’anima no profit e il socio maggioritario di Italiacamp srl, l’impact organization che sviluppa progetti e valutazioni di impatto sociale.

Serena Scarpello è head of content di MoSt, l’agenzia creativa di Studio Editoriale, e docente di Brand Journalism presso la Luiss School of Government. Da anni impegnata nell’associazione Italiacamp, membro del consiglio direttivo uscente con delega alle public relations e al coordinamento delle attività nell’area di Milano, è stata eletta presidente alla guida di un consiglio direttivo che riunisce dieci professionisti under 40, espressione dei diversi settori nei quali svolge l’impegno di Italiacamp.

Un consiglio direttivo composto da una qualificata rappresentanza femminile, innesti di valore e conferme in continuità con l’evoluzione che l’associazione ha avuto in questi anni. Annunciati da Scarpello anche gli incarichi e le deleghe che i consiglieri assumeranno in associazione.

Tra i nuovi ingressi: Lorenza Baroncelli, direttore artistico della Triennale di Milano, che avrà la delega ad arte e urbanistica; Cristiana Capotondi, vice presidente Lega Pro, con delega allo sport; Stefano Feltri, giornalista, direttore della nuova testata Domani, con delega all’informazione; Maria Grazia Magro, head of strategy and scientific affairs di Human Technopole, si occuperà di scienza e salute; Federica Santini, presidente di Trenord, avrà la competenza su mobilità e reti. Tra le presenze in continuità con l’esperienza associativa: vice presidente sarà Andrea Chiriatti, HR in FIPE-Confcommercio; Gaia Marcorelli, tra i fondatori dell’associazione e project manager dell’area humanities in Italiacamp srl, assumerà l’incarico di segretario generale; Ernesto Di Giovanni, partner Utopia, con delega alle politiche pubbliche; Ilaria Lorenzetti, client service director in Publicis Italia, si occuperà di industrie creative; Fabio Romagnoli, manager in Bip, avrà la delega all’innovazione. A fianco del nuovo consiglio, Francesca Buttara, responsabile relazioni istituzionali di Lega Pro, assumerà il ruolo di advisor.

“Assumere questo ruolo in un momento come quello attuale è una sfida che colgo con grande emozione. Con il nuovo board saremo a supporto di Italiacamp per sviluppare ancor di più l’impegno dell’organizzazione in ambiti cruciali per il futuro prossimo: la salute e la ricerca scientifica, il lavoro smart e orizzontale, l’evoluzione della formazione, il nuovo sport, il pensiero digitale, la necessità di una nuova urbanistica, i nuovi modi di fare e di fruire l’arte e la letteratura, la valorizzazione delle diversità. Al centro, il tema del “comportamento” troppo spesso dimenticato.” afferma Serena Scarpello, neopresidente di Italiacamp.

In occasione dell’assemblea è stata anche deliberata la modifica dello statuto con la quale l’associazione Italiacamp ha assunto la qualifica di ente del terzo settore ai sensi del nuovo codice in materia. Una evoluzione dettata dalla volontà di interpretare a pieno lo spirito no profit dell’associazione, che si affianca alla natura profit with purpose di Italiacamp srl.

13 lug 2020

L’approvazione del Bilancio 2019 conferma la crescita double digit di ItaliaCamp Srl

Il 13 Luglio 2020 l’Assemblea dei Soci di ItaliaCamp Srl ha approvato il bilancio d’esercizio chiuso al 31.12.2019

ItaliaCamp crescita duble digit

Il 13 Luglio 2020 l’Assemblea dei Soci di ItaliaCamp Srl ha approvato il bilancio d’esercizio chiuso al 31.12.2019. Il documento evidenzia un risultato positivo in termini di:

  • valore della produzione che è pari a 3.408.584 Euro in aumento del 16% rispetto al 2018 pari a  2.940.088 Euro;
  • l’EBITDA pari a  704.219  Euro con un EBITDA margin pari a 21% è in aumento del 34% rispetto al 2018 con un valore pari a  524.275 Euro;

I risultati, in linea con gli obiettivi prefissati per l’anno 2019, confermano la crescita double digit contestuale alla riduzione del 20% e del conseguente azzeramento del contributo da parte dei Soci nell’anno di conclusione dei Patti parasociali sottoscritti nel 2014 e rinnovati per il biennio 2018-2019.

Durante l’Assemblea sono state inoltre confermati i membri del Consiglio di Amministrazione e di Fabrizio Sammarco e Luigi Mastrobuono, rispettivamente Amministratore Delegato e Presidente di ItaliaCamp Srl.

01 feb 2020

ItaliaCamp lancia il modello “Italia Team” con il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

Aperta la chiamata pubblica per selezionare aziende, istituzioni e cittadini con l’obiettivo di comporre gli Italia Team che si occuperanno di realizzare 7 Progetti Paese

Italia Team Sammaco

Fiumicino 01.02.2020 –  “Insieme per il Paese” è stato il claim dell’evento organizzato per il decennale di ItaliaCamp e condiviso dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte nel suo intervento a conclusione dei lavori: “Non si vince da soli, ma con la collaborazione di tutti. Lo spirito che anima il Governo lo vedo nella vostra sollecitazione a valorizzare il lavoro insieme per il bene non dei singoli o delle parti, ma dell’Italia. Così come in questa direzione si muove la vostra proposta degli Italia team”.

Durante l’evento “Insieme: 10 anni per il Paese” svoltosi nella mattina di sabato primo febbraio presso l’aeroporto Leonardo Da Vinci, ItaliaCamp ha lanciato, alla presenza del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il modello “Italia Team”: una chiamata pubblica rivolta ad aziende, istituzioni e cittadini con l’obiettivo di realizzare 7 Progetti attraverso i quali generare valore per il Paese.

 

I 7 progetti sono stati individuati da ItaliaCamp con il fine di generare, oltre a un ritorno economico, un impatto sociale e occupazionale, e per rispondere a problemi ancora irrisolti della società. Gli Italia Team coinvolgeranno cittadini per la risoluzione di un problema o lo sviluppo di un’opportunità progettuale mirando ad agevolare l’adozione e l’integrazione di soluzioni innovative attraverso l’implementazione di processi d’avanguardia e replicando comprovati casi di successo internazionali.

Fabrizio Sammarco (AD società ItaliaCamp) “Il modello si pone l’obiettivo di generare nuovo Valore per il Paese mettendo al centro del rapporto tra pubblico e privato le persone. Una proposta d’impatto aperta a tutti coloro che vorranno dare il proprio contributo per risolvere problemi ancora irrisolti della nostra società, sviluppare innovazioni e realizzare trasformazioni umane connesse all’uso di tecnologie sempre più avanzate. Insieme è la parola sintesi del decennio che si chiude ed è il miglior augurio che possiamo farci per il nuovo decennio che si apre

Leo Cisotta (Presidente Associazione ItaliaCamp) ha ripercorso questi primi 10 anni di attività di ItaliaCamp richiamando le sfide aperte dal gruppo fin dalla sua nascita generando 35,7 €/Mln d’impatto economico diretto, indiretto e indotto distribuito ai propri stakeholder di riferimento, mentre 23 €/Mln è l’impatto prodotto con la proposizione di idee che hanno portato allo sviluppo di nuove policy come la nascita della società a responsabilità limitata semplificata, una novità “rivoluzionaria” nel contesto normativo ed economico del nostro Paese.

È stato ricordato anche uno dei primi contributi offerti da ItaliaCamp in questi dieci anni appena trascorsi: la nascita delle srl semplificate. Un’idea lanciata da ItaliaCamp e che tra il 2011 e il 2018 ha consentito la nascita di 233mila nuove imprese a capitale zero, che nel tempo hanno fatturato più di 20 miliardi.

Il modello Italia Team è stato condiviso dalle aziende socie di ItaliaCamp Srl: Ferrovie dello Stato Italiane, Invitalia, Poste Italiane, RCS Mediagroup e Unipol sono intervenute durante l’evento rappresentate dai loro Amministratori Delegati che hanno rilanciato la loro adesione a ItaliaCamp, in particolare grazie alla mission che condividono con l’organizzazione sui temi della generazione di impatti sociali e dell’economia delle connessioni.

Il tema dell’impatto è stato affrontato da Gianfranco Battisti (Ferrovie dello Stato), in relazione alla realizzazione di hub territoriali di connessioni. Per Battisti si tratta di un “modello di sviluppo al quale come Gruppo ci ispiriamo non solo spinti dalla volontà di profitto economico ma finalizzato a favorire la realizzazione di progettualità di impatto sociale a beneficio del territorio in cui è situato generando quindi valore condiviso”.

Da 10 anni ItaliaCamp incentra la sua attività sull’economia delle connessioni e su questo approccio si è soffermato Matteo Del Fante (Poste Italiane) in particolare sul connubio tra Pubblico e Privato: “Poste Italiane crede fermamente nella collaborazione attiva tra attori pubblici e privati per rilanciare lo sviluppo sostenibile del Paese, puntando su ricerca e innovazione”.

La prospettiva futura dell’importanza degli impatti generati è emersa anche dall’intervento di Domenico Arcuri (Invitalia): “Cerchiamo di rendere sempre più conto ai nostri stakeholder non solo la corrispondenza tra obiettivi e realizzazioni (output), ma anche gli effetti diretti delle nostre attività (outcome); ma soprattutto degli effetti indiretti, più ampi e di più lungo periodo. Si tratta degli impatti sul benessere, sulla qualità della vita e sulla condizione di individui, gruppi sociali, comunità territoriali, paesi e – in molti casi – delle generazioni future”.

L’importanza del generare un ecosistema delle connessioni è stato un concetto rimarcato anche da Urbano Cairo (RCS): “Nessuna azienda è un’isola. Nessuna azienda può continuare a crescere se non è capace di interagire con il mondo che la circonda, se non è capace di capirlo e di proporre qualcosa – un prodotto, un servizio, un’idea – che sia utile per migliorarlo. Questo, in fondo, significa essere capaci di “rispondere alla domanda del mercato”.

Carlo Cimbri (Unipol) è invece intervenuto sull’atterraggio fisico delle connessioni, parlando dell’obiettivo di trasformare la sede di Piazza dell’Esquilino in un hub dove: “alta formazione, esperienza e contaminazione agiscono all’unisono come forze motrici dell’innovazione e della crescita. Un luogo che realizza il superamento delle vecchie divisioni tra fasi della vita e settori della società, dove realizzare trasformazione positiva. Un luogo dove si crea, si sperimenta, si cresce. Dove si costruisce il futuro, con le proprie mani”.

Al modello “Italia Team” e ai suoi sette progetti – ItaliaCamp Academy, Scuola dell’Umano, Alfabetizzazione Digitale, Hub di Connessione, Economia Carceraria, Officine Mezzogiorno, Italia d’impatto – si può partecipare attraverso la call pubblica attivata sul sito e rivolta a persone fisiche e giuridiche che potranno candidarsi fino al mese di maggio, quando verranno annunciate aziende, istituzioni e cittadini che hanno deciso di aderire e che sono stati selezionati.

 

Leggi qui il comunicato della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

31 gen 2020

Il Presidente Mattarella ha ricevuto una delegazione di ItaliaCamp per celebrare i 10 anni di attività nel Paese con il modello Italia Team

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto nel pomeriggio al Quirinale una delegazione di ItaliaCamp, in occasione delle celebrazioni del primo Decennale di attività

ItaliaCamp-mattarella

La delegazione composta dai rappresentanti dell’Associazione: Pantaleo Cisotta, Presidente, Antonio Catricalà Presidente onorario, Pier Luigi Celli, primo Presidente dell’Associazione e della Società: Luigi Mastrobuono Presidente, Fabrizio Sammarco Amministratore Delegato, Gianni Letta e Guido Fienga consiglieri di amministrazione con Giovanni Lo Storto, Direttore Generale dell’Università LUISS che ha sostenuto la genesi del progetto.

Ha preso parte all’audizione anche il top management delle società socie di ItaliaCamp: Domenico Arcuri Amministratore Delegato Invitalia S.p.A., Gianfranco Battisti Amministratore Delegato Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., e Carlo Cimbri Amministratore Delegato Unipol Gruppo S.p.A. e Matteo Del Fante, Amministratore Delegato Poste Italiane.

ItaliaCamp ha presentato il modello degli Italia Team, che si basa sulla costituzione di gruppi di lavoro interprofessionali e intergenerazionali, con l’obiettivo di riunire un numero qualificato di cittadini con cui realizzare progetti di innovazione a forte impatto sociale, economico e occupazionale. A supportare il progetto saranno Aziende e Istituzioni Paese come TIM rappresentata all’incontro dall’Amministratore Delegato Luigi Gubitosi e ADR con l’Amministratore Delegato Ugo De Carolis, che sosterranno – in qualità di partner – gli Italia Team.

La presentazione di tutti gli Italia Team sarà fatta domani sabato 1 febbraio all’Aeroporto di Fiumicino (a partire dalle ore 9.30) alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte.

Leggi qui il comunicato della Presidenza della Repubblica.

23 gen 2020

“Insieme: 10 anni per il Paese”

Al via la due giorni per le celebrazioni del Decennale di ItaliaCamp alla presenza del Presidente della Repubblica e del Presidente del Consiglio dei Ministri

  • Venerdì 31 gennaio 2020, alle ore 17:00, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella riceverà al Quirinale, una delegazione composta dai rappresentanti dell’Associazione e dal top management delle società socie e partner di ItaliaCamp, in occasione dei primi 10 anni di attività;
  • Sabato 1° febbraio 2020, il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte presenzierà e interverrà per la chiusura dei lavori dell’evento pubblico “Insieme: 10 anni per il Paese”, organizzato per celebrare i primi 10 anni di attività di ItaliaCamp e per presentare un programma di sviluppo per il Paese intitolato “Italia Team”; l’evento si terrà, a partire dalle ore 9:00 presso il Terminal 3 dell’Aeroporto Leonardo Da Vinci – Fiumicino, con il supporto di Aeroporti di Roma;
  • Prenderanno parte all’iniziativa i soci della società ItaliaCamp: Ferrovie dello Stato Italiane, Invitalia, Poste Italiane, RCS MediaGroup e Unipol e i soci dell’Associazione ItaliaCamp provenienti da tutte le regioni d’Italia.

 

Di seguito il programma dettagliato della giornata. Per info: ufficiostampa@italiacamp.com


Attenzione per i giornalisti: per ragioni organizzative è tassativo accreditarsi al seguente link entro le ore 10:00 di giovedì 30 gennaio.

ItaliaCamp celebra il primo “Decennale” di attività: 10 anni in cui sono stati organizzati più di 140 eventi, in tutte le regioni d’Italia, con oltre 40 call for ideas che hanno consentito di raccogliere oltre 4.000 progetti e generare un impatto economico per 25 milioni di euro, con tutte le realtà coinvolte nelle iniziative. 

Il percorso sviluppato da ItaliaCamp nei primi 10 anni di attività è stato incentrato sullo sviluppo del modello dell’innovazione sociale e dell’economia delle connessioni tra persone, Istituzioni e organizzazioni pubbliche e private.

La missione di ItaliaCamp è mettere al centro la persona e le sue relazioni sociali per generare nuovo valore in termini d’impatto economico e sociale per comunità e territori. La visione per i prossimi 10 anni è divenire la prima Impact Organization in Italia in grado di connettere le più evolute avanguardie sociali con le più solide esperienze manageriali e istituzionali del nostro Paese, sia a livello nazionale che internazionale. Un connubio che risulta essere unico nel genere per la natura “no profit” espressa dall’Associazione ItaliaCamp, con le attività “profit” della Società ItaliaCamp partecipata da: Ferrovie dello Stato Italiane, Invitalia, Poste Italiane, RCS MediaGroup e Unipol.

L’appuntamento del Decennale si pone l’obiettivo di celebrare i risultati raggiunti nei primi anni di attività e presentare il modello di sviluppo per i prossimi 10. Una riflessione aperta che passando da ItaliaCamp arriva al Paese con la proposta di un nuovo patto civico da realizzare, insieme.

Il modello operativo si basa sulla matrice organizzativa degli “Italia Team” (I-Team), veri e propri gruppi d’Impatto, interprofessionali e intergenerazionali, con l’obiettivo di riunire un numero qualificato di cittadini, organizzati per l’appunto in I-Team, con cui realizzare progetti d’innovazione a dichiarato impatto sociale, economico e occupazionale. Ogni Team sarà sostenuto da Aziende-Istituzioni partner a seconda dell’interesse tematico e dei piani d’investimento dell’organizzazione stessa.

In occasione dell’evento del 1° febbraio sarà lanciata la call pubblica per la composizione degli Italia Team e la presentazione delle aree di lavoro.

Per info: ufficiostampa@italiacamp.com

Gian Mario Bachetti: 345.1725860
Marco Barbieri: 335.8773517

20 dic 2019

Qi4M: l’Intelligenza Artificiale al servizio degli investimenti sostenibili

Qi4M

La finanza sostenibile ha un nuovo strumento per sviluppare portafogli etici e responsabili. Con un algoritmo è possibile individuare i titoli su cui investire rispetto al loro ESG (Environment, Social, Governance) rating con un rendimento sempre superiore al benchmark di mercato. Con tecniche di Intelligenza artificiale (AI) una startup tutta italiana Qi4M (basata a Roma) ha ottenuto da Invitalia un finanziamento di circa 900.000 euro, che si vanno ad aggiungere agli oltre 600.000 euro raccolti da soci privati per un totale che supera 1,5 Milioni di euro di investimenti.

Qi4M ad oggi già vanta collaborazioni con player importanti della finanza globale con cui ha intrapreso progetti di innovazione ad alto impatto. Il capitale, tuttavia, sarà necessario per accelerare questo processo attraverso l’assunzione di nuovi ricercatori e sviluppatori, giovani come i suoi founder: Luca Dell’Anna (35 anni), Oksana Ustenko (28), Adamo Gaetano (30), Marco Napolitano (30), Federico Giordani (26) e Valeria Barybina (22). Vittorio Carlei, Founder di Qi4M e docente LUISS:

“L’esperienza di Qi4M conferma che i “cervelli” italiani non sono tutti in fuga. Qi4M infatti nasce da un desiderio diffuso di innovare in un contesto sfidante come la finanza quantitativa, mettendo giovani talenti al servizio di un’innovazione che abbia un forte impatto sociale e promuovendo una nuova cultura finanziaria, digitale, intelligente e sostenibile.”

Il link tra la start up romana e Invitalia è avvenuto grazie all’iniziativa “Investing for GOOD”, promossa da ItaliaCamp e Università Luiss, che alla sua 2° edizione avvicina gli studenti di Economia e Management ai temi della finanza di impatto e sensibilizza le nuove generazioni sui temi dell’impatto sociale, economico e finanziario che tutte le organizzazioni possono generare. Fabrizio Sammarco, Amministratore Delegato di ItaliaCamp e Coordinatore del Laboratorio:

“Il risultato raggiunto con il finanziamento di Qi4M dimostra come il ruolo del Laboratorio vada oltre la didattica, dimostrando che il passaggio dalla teoria all’economia pratica, è davvero breve. Si fa così spazio un mercato nuovo d’innovazione che seleziona idee e progetti per la loro capacità di “far del bene” a comunità e territori. Ecco spiegato il titolo e le finalità del nostro laboratorio che intende dimostrare che è possibile “Investire sul Bene” generando sia ritorni finanziari per investitori che impatti economici positivi per i suoi destinatari o utilizzatori. Esistono, infatti, dei “beni” che prendendo la forma di specifici progetti e idee sono in grado di fare del “bene”, l’importante è perservare e credere nella direzione intrapresa facendosi accompagnare dalle persone giuste.”

La startup Qi4M, attiva dal 2017 è stato uno dei progetti selezionati per fare da case history dell’ultima edizione dell’”Investing for GOOD” come caso di analisi per le attività in aula degli studenti. Il laboratorio organizzato da Luiss e ItaliaCamp prevede, infatti, momenti teorici, realizzati con il contributo di rappresentanti di aziende e istituzioni, e attività pratiche durante le quali gli studenti svolgono il ruolo di analisti col supporto di esperti del settore. Domenico Arcuri, Amministratore Delegato di Invitalia, partner del laboratorio, sottolinea l’importanza e l’attualità della finanza sostenibile e dell’impact investing:

“I criteri SRI (socially responsible investing) e di impact investing non sono una moda del momento, ma una condizione ormai consolidata per orientare le scelte di investimento verso l’obiettivo della sostenibilità globale. Realizzare azioni concrete per consentire al settore finanziario di sfruttare il vasto potere dei mercati dei capitali nella lotta ai cambiamenti climatici, nella promozione della sostenibilità e tenendo conto dell’impatto sociale e culturale: sono priorità indiscusse per il nostro Paese e per l’Europa e l’esperienza di Investing for good ne è parte integrante. Investing for good è a mio avviso un momento formativo ed educativo importantissimo per un obiettivo di cui è ormai universalmente riconosciuta la centralità e, forse, l’imprescindibilità ma per il quale è necessario concentrare ancora molti sforzi ”.

La prossima edizione del Laboratorio partirà a marzo 2020 e sarà possibile candidarsi rispondendo alla CALL a questo link. L’Investing for GOOD Lab, secondo le parole di Giovanni Lo Storto Direttore Generale Luiss, si conferma:

“Un progetto che, grazie alla collaborazione con Italia Camp e alla sinergia tra accademia, imprese e investitori, offre agli studenti l’opportunità di accelerare spunti imprenditoriali in start-up innovative, per generare valore aggiunto per la comunità e i territori, goal fondamentale nella Terza Missione della nostra università”.