03 lug 2019

Alex Banayan apre la “Terza Porta” all’Assemblea di ItaliaCamp

L’Assemblea annuale della nostra Associazione di quest’anno, dedicata al tema delle Trasformazioni, non è stato solo un momento di aggiornamento e di riflessione per i soci provenienti da tutta Italia, ma ha anche fatto da cornice a un Inspirational Talk di Alex Banayan, autore del libro “La terza porta”, in uscita per la Luiss University Press

Dopo una prima parte riservata ai soci in cui il Presidente Leo Cisotta ha illustrato le attività in corso e i progetti in fase di sviluppo - dall’hub di Brindisi Fast Academy, fino all’evento con cui festeggeremo il Decennale – i nostri uffici si sono trasformati nella sede di un Talk per ospitare Alex Banayan, uno dei più influenti under30 al mondo secondo Forbes e “Most Powerful People Under 30” per Business Insider

Nel libro, l’autore americano racconta la sua avventura di studente universitario figlio di rifugiati iraniani che, dopo aver vinto un premio a un gioco televisivo, decide di partire per un viaggio di sette anni alla ricerca di uomini e donne che hanno dimostrato di essere i migliori nel loro campo. Da Bill Gates a Steven Spielberg, passando per Lady Gaga, ognuno di loro, in un determinato momento della propria vita è riuscito ad aprire quella Terza Porta che ha cambiato non solo la sua carriera, ma un intero settore, trasformandosi in una vera e propria icona. Durante il talk, Alex Banayan ci ha accompagnato nel suo viaggio per capire come grandi personaggi sono riusciti a percorrere la propria strada, arrivando a risultati inimmaginabili: il “classico” story-telling su case-history di successo, con la differenza che i suoi casi studio sono persone, con i loro pregi e difetti ma, soprattutto, con i loro sentimenti. 

Quando ho iniziato il mio percorso (ma anche durante il viaggio stesso) ero spaventato e conoscendo più da vicino le persone che ho incontrato, ho scoperto che anche loro erano impaurite. Questa cosa mi ha insegnato che è impossibile non aver paura, ma proprio per questo bisogna essere coraggiosi: rendersi conto delle proprie paure, valutare le possibili conseguenze e, se lo si vuole davvero, raggiungere l’obiettivo che ci si è prefissati. 

I presenti hanno quindi potuto assistere a una “lezione” sulla forza dell’innovazione, ascoltando il racconto di un viaggio in cui: 

Successo e fallimento non sono opposti, ma sono i due risultati possibili dell’aver provato a fare qualcosa e dell’essersi messi in discussione. 

D’altronde, anche noi di ItaliaCamp, insieme alle persone, alle aziende e alle istituzioni che abbiamo incontrato nel nostro viaggio lungo 10 anni, cerchiamo una Terza Porta per portare innovazione nel Paese, generando impatti positivi sulla comunità e interpretando e governando le trasformazioni che anno dopo anno cambiano interi settori. Una Terza Porta che ci conduca, insieme ai diversi partner e stakeholder, a immaginare nuovi paradigmi per dare le giuste risposte a chi, come Alex Banayan quando era nel suo dormitorio, cerca la sua via di realizzazione; sia esso un innovatore con un progetto da realizzare, un’istituzione che necessita di portare innovazione nelle sue attività, un’azienda che vuole creare strategie d’impatto o un ragazzo che abbia bisogno di formarsi secondo nuovi e più moderni modelli educativi. Con le parole del Presidente dell’Associazione, Leo Cisotta: 

ItaliaCamp da dieci anni è un catalizzatore di energie nel Paese, di persone, aziende e istituzioni che grazie alle competenze e al network di ItaliaCamp riescono a trovare insieme la Terza Porta per produrre effetti positivi sulla comunità. 

L’incontro con Alex Banayan si è concluso con una frase che chiunque dovrebbe tenere a mente: “L’unico modo di crescere è prendersi cura dei propri sbagli” e noi di ItaliaCamp siamo pronti ad accettare la sfida anche per i prossimi dieci anni.
Prossima News