14 mar 2018

FAST Academy: un hub d’innovazione a Brindisi

Dopo Milano e Torino, si aggiunge un terzo hub d'innovazione alla nostra costellazione di "luoghi orientati al futuro". Si tratta di FAST Academy che diventerà un baluardo per contrastare il disagio giovanile e i fenomeni di abbandono e dispersione scolastica nel Sud Italia e in particolare nella provincia di Brindisi, grazie a modelli di apprendimento innovativi che faranno emergere il talento e la creatività dei ragazzi e delle ragazze del territorio. 

L'hub d'innovazione nascerà presso la Cittadella della Ricerca con l'obiettivo di sviluppare competenze, opportunità educative e percorsi interdisciplinari, anche per l’alternanza scuola-lavoro, attraverso attività collaborative e di confronto intergenerazionale con la comunità locale, per creare un vero e proprio ecosistema dell'innovazione. 

Saranno realizzati laboratori di artigianato digitale, coding, robotica, STEAM, economia circolare, arte multimediale e graphic journalism. La FAST Academy sarà così un punto di riferimento anche per le famiglie, dove sperimentare forme di dialogo, aggregazione e sussidiarietà circolare. 

Il Lotto 13B della Cittadella della Ricerca sarà riqualificato e trasformato in un contenitore multidimensionale e multidisciplinare

L'intero progetto, così come ogni attività che si svolgerà all'interno del suo ecosistema, partirà da una mappatura dei bisogni giovanili, portata avanti con il contributo degli stessi ragazzi e da loro sintetizzata attraverso pratiche di storytelling virali e virtuali e attraverso mappe geografiche emotive. 

La forza dell'hub d'innovazione saranno così i suoi spazi e i percorsi che si svilupperanno al loro interno: nel FabLab i ragazzi diventeranno maker digitali e sperimenteranno manualità e riciclo creativo, mentre nel Coding&Robotic Lab impareranno la matematica progettando videogiochi e robot; nella sala prove con studio di registrazione, nel Media Art Lab e con il MathGym esploreranno le interconnessioni tra arti e scienze, studieranno la fisica attraverso l’acrobazia ed esploreranno contaminazioni artistiche e artigianali; nell’Agorà, durante i Collaborative Days e le School Academy potranno poi sperimentare nuove forme di co-azione e co-produzione, comunicando attraverso i nuovi linguaggi sociali esplorati attraverso il Social Thinking Wall

Ad accompagnare i ragazzi nel loro percorso di crescita e rafforzamento sarà un’inedita comunità educante fatta di famiglie e di partner locali, coinvolti con una Call for Masters e riuniti nell’Associazione dei Mentor e nel Club dei Talenti. 

L’Academy vuole così diventare un polo nazionale per l’innovazione sociale ed educativa. 

In termini di impatto sociale, le ricadute e gli effetti generati saranno infatti molteplici sia nel breve che nel medio periodo. Nel breve periodo, la popolazione target verrà motivata con una continua crescita personale aumentando la frequenza sia nella scuola dell’obbligo che formazione. Sul medio-lungo periodo gli effetti del progetto saranno invece relativi alla riduzione di fenomeni distorsivi come il numero dei NEET e la criminalità minorile. Il progetto mira poi a rafforzare la strategia regionale pugliese in materia di istruzione e formazione dando vita a reti territoriali volte all’integrazione dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. 

In questo importante percorso non saremo soli, con noi ci saranno anche l’Istituto “Majorana”, l’Istituto Bozzano-Brindisi, l'Associazione Antiracket e Antimafia, Associazione S.I.N.G.,l'Oratorio Don Bosco, la Cooperativa Sociale “Insieme”, l'Associazione Culturale di Volontariato Mamadù, L'Ala – Società Cooperativa Sociale, la Caritas Diocesana di Brindisi e Ostuni e l'ACLI Brindisi.