06 giu 2017

Derrick de Kerckhove all’Assemblea ItaliaCamp

Le relazioni sociali, nel mondo interconnesso e in movimento nel quale viviamo, si fanno sempre più dense e la loro sostenibilità dipende dalla nostra capacità di saperle mettere a sistema. Non solo: assistiamo anche ad una evoluzione delle interazioni sociali dovuta all’innovazione tecnologica che, abbattendo le barriere spazio – temporali, attiva connessioni e favorisce contaminazioni creative

Questi temi saranno centrali per l’Assemblea ItaliaCamp 2017 dal titolo “Arcipelaghi sociali. Conoscenze e reti in movimento”, che avrà tra i suoi protagonisti Derrick de Kerckhove, sociologo di fama internazionale, teorizzatore dell’intelligenza connettiva. 

Nel suo inspirational talk de Kerckhove parlerà proprio di intelligenza connettiva, elemento essenziale di tutta la sua riflessione sociologica. L'intelligenza connettiva, superando il concetto di intelligenza collettiva, mira alla connessione, al collegamento, alla messa in relazione delle intelligenze. E’ un potente strumento di contatto tra persone, pensieri, tempi, spazi, in grado di connettere qualcosa di esistente per trasformarlo in qualcosa di nuovo. 

De Kerckhove ci aiuterà a riflettere su come l’intelligenza connettiva può portare allo sviluppo di un nuovo tessuto socio-culturale, ad una moltiplicazione delle connessioni relazionali, ad una accelerazione nella creazione e messa a sistema delle idee. Specie attraverso la Rete

Chi è Derrick de Kerckhove

Derrick de Kerkchove, belga naturalizzato canadese, è un sociologo di fama internazionale: allievo di Marshall McLuhan, ha raccolto e rilanciato la sua eredità intellettuale, illustrando nel passaggio dall'oralità alla scrittura, e dai mass media ai new media, le linee di continuità e discontinuità dei linguaggi espressivi della cultura digitale.

Dal 1994 al 2008 Derrick de Kerkchove  ha diretto all’Università di Toronto il McLuhan Program in Culture & Technology, un centro di ricerca che studia l’impatto delle tecnologie sulla società. Dal 2004 al 2008 ha insegnato Tecnologia e Pedagogia alla Biblioteca del Congresso di Washington. 

Attualmente è professore di Sociologia della Cultura digitale e Marketing e nuovi media alla Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. È inoltre supervisor di ricerca presso il PhD Planetary Collegium T-Node.